Lombardia


Nasce Alleanza della Cooperazione Lombarda

Il 12 aprile 2021 nasce Alleanza della Cooperazione Lombarda, la più grande rappresentanza regionale del mondo cooperativo che riunisce le tre principali associazioni del comparto: AGCI, Confcooperative e Legacoop. Tremilaseicento le imprese rappresentate, il 90% di quelle aderenti a una sigla in Lombardia, seconda regione italiana per presenza cooperativa.

A guidarla Massimo Minelli, presidente di Confcooperative Lombardia. Eletti copresidenti Attilio Dadda e Cinzia Sirtoli, presidenti rispettivamente di Legacoop Lombardia e AGCI Lombardia.

“Diamo vita a un nuovo percorso, un fronte unito tra le tre principali organizzazioni cooperative lombarde: Confcooperative, Legacoop e AGCI. È un passaggio che segna sì un profondo cambiamento ma è una grande opportunità per le nostre imprese forti da oggi di una solida rappresentanza che registra 3.633 cooperative, un volume d’affari che sfiora i 16 miliardi di euro e conta 1,6 milioni di soci e 143 mila occupati – ha spiegato Massimo Minelli, neo presidente di Alleanza della Cooperazione Lombarda -. Questo progetto, che da diversi anni ci impegna in battaglie comuni, oggi è un nuovo punto di partenza. Una risposta alla crisi che impone non solo alle nostre aziende di rinnovarsi, ma che richiama anche le associazioni ad un’azione radicale e coraggiosa di cambiamento. È anche un invito alle istituzioni con cui Alleanza della Cooperazione Lombarda si relazionerà, perché il vero cambiamento può attuarsi solo attraverso un’azione corale e condivisa di tipo ‘glocale’”.

“Oggi avviamo un nuovo modo di rappresentare il movimento cooperativo lombardo nuovo – continua Attilio Dadda, copresidente di Alleanza della Cooperazione Lombarda – anche perché diverso è lo scenario e le forze che vi agiscono. Dinanzi ad un presente complesso e incerto il movimento cooperativo lombardo sceglie la strada dell’unità. Insieme per essere vicini ed utili alle migliaia di cooperative associate, per alleggerire il peso di questa pandemia sulle nostre comunità lombarde. Insieme perché abbiamo imparato che questa sfida non la si affronta e non la si vince da soli. Iniziamo mettendo a risorsa l’intelligenza collettiva della nostra rappresentanza, strutturando opportunità di sviluppo sinergiche, rafforzando le filiere cooperative, costruendo nuovi spazi fisici e virtuali quali luoghi di lavoro comune”.

“Insieme anche per uscire dalla crisi – afferma Cinzia Sirtoli, copresidente di Alleanza della Cooperazione Lombarda – e rafforzare le nostre imprese a partire da misure a sostegno della cooperazione. Fondamentale, oltre alla collaborazione con le istituzioni, è la complementarietà tra le diverse opportunità di finanziamento, in particolare, guardiamo con grande interesse a un’azione sinergica con la Nuova Marcora, resa operativa da pochi giorni dal MISE. Il rilancio della nostra Regione può avvenire soltanto grazie ad imprese robuste e capitalizzate in grado di attrarre i migliori talenti e i capitali necessari ad una ripresa che auspichiamo sia equa, sostenibile e duratura, a beneficio di tutti e tutte“.

Nel corso dell’Assemblea è intervenuto, in via telematica, il Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana a cui la cooperazione lombarda ha chiesto in primis celerità del piano vaccini per le imprese e a seguire sostegni all’imprenditorialità cooperativa. Perché l’Alleanza è tale se in dialogo con le istituzioni, in una visione pienamente cooperativa.

 

Alleanza Cooperative Lombardia: Luca Bernareggi nuovo presidente

Luca Bernareggi, è il nuovo presidente dell’Alleanza delle Cooperative Italiane Lombardia, il coordinamento delle tre organizzazioni più rappresentative della cooperazione regionale: Confcooperative, Legacoop e AGCI. Ad essere eletti co-presidenti Massimo Minelli e Massimo Ramerino. La nomina è avvenuta il 29 giugno 2016 al termine dell’assemblea tenutasi all’Expo Gate di Milano a cui ha partecipato anche l’assessore allo Sviluppo Economico di Regione Lombardia Mauro Parolini.

“La società non tollera più le liturgie inutili. La cooperazione ha davanti a sé obiettivi strategicamente importanti e in Lombardia ci sono le condizioni perché questo percorso prosegua e si concretizzi più tempestivamente che nel resto d’Italia” ha detto il neo presidente Bernareggi. Sul tema della rappresentanza ha aggiunto: “L’Alleanza delle Cooperative Italiane Lombardia cercherà di interpretare al meglio le esigenze delle sue associate e i cambiamenti economici e sociali su cui si gioca il futuro della cooperazione”.

A fare il punto sulla timeline del processo di aggregazione delle tre centrali cooperative, il co-presidente Massimo Minelli. “Il processo di convergenza verso un’unità del movimento cooperativo chiede di essere definitivamente completato. Oggi vogliamo prenderci degli impegni precisi, costruire l’Alleanza in tutti i settori, welfare, agroalimentare, cultura, turismo, consumo, dettaglianti, banche e assicurazioni”.

“L’Alleanza delle Cooperative lombarde conta 4.162 imprese, oltre 2 milioni di soci, un volume di affari di oltre 12 miliardi di euro e più di 127mila occupati, di cui il 63% donne”, ha sottolineato il co-presidente Massimo Ramerino.

In termini di fatturato l’Alleanza rappresenta il 30% del valore dell’agroalimentare della regione, il 60% della produzione lattiero casearia e vitivinicola, e il 45% della produzione di Grana Padano Dop, eccellenza lombarda esportata in tutto il mondo. Sono 200mila le famiglie che in Lombardia hanno costruito casa in cooperativa e oltre 1 milione i cittadini che usufruiscono dei servizi socio-sanitari e di welfare. Il 14% degli sportelli bancari lombardi sono banche di credito cooperative.

 

 

COSTITUITA L’ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE LOMBARDIA

Imprese, 2 milioni di soci, un volume di affari di oltre 12 miliardi di euro e più di 124.000 occupati (di cui il 63% donne): con questi numeri è nata il 26 giugno 2013 l’Alleanza delle Cooperative Italiane Lombardia al termine dell’assemblea costituente tra le associazioni regionali di Confcooperative, Legacoop e Agci.
Un’assemblea, svoltasi nella sede della CCIAA di Milano, a cui ha partecipato anche l’Assessore alle Attività Produttive, Ricerca e Innovazione della Regione Lombardia Mario Melazzini.

La cooperazione occupa posizioni di leadership in importanti comparti produttivi dell’economia regionale: in termini di fatturato, rappresenta il 25% del valore complessivo dell’agroalimentare lombardo, il 60% della produzione di latte e il 45% di una produzione di eccellenza come il Grana Padano DOP. Sono 200.000 le famiglie che in Lombardia hanno costruito casa in cooperativa e oltre 1 milione i cittadini che usufruiscono dei servizi socio-sanitari e di welfare. Il 13% degli sportelli bancari lombardi sono banche di credito cooperative.

“Negli ultimi 5 anni la cooperazione lombarda ha segnato un trend positivo di oltre il +9% negli occupati – ha sottolineato il Presidente di Confcooperative e dell’Alleanza Cooperative Lombardia Maurizio Ottolini – ma possiamo fare di più e faremo di più, se avremo gli strumenti per farlo, ad esempio attraverso l’applicazione del protocollo di intesa di Regione Lombardia che prevede di destinare il 5% degli appalti alle cooperative sociali, anche in vista di EXPO 2015”.

“Se riusciremo a sventare il rischio dell’aumento dell’IVA nelle cooperative sociali e se recupereremo i ritardi dei pagamenti della pubblica amministrazione – gli hanno fatto eco i copresidenti Luca Bernareggi e Giuseppe Di Giugno – la cooperazione lombarda sarà davvero in grado di produrre nuove interessanti opportunità occupazionali, dal welfare sussidiario al recupero di attività artigianali attraverso la cooperazione sociale, la cooperazione tra professionisti, il workers buyout attraverso cui i lavoratori possono rilevare la propria impresa in crisi per darle continuità e le cooperative di comunità”.

“Anche Regione Lombardia si pone in prima fila a sostegno della cooperazione – ha dichiarato l’Assessore Mario Melazzini – supportando i soggetti che vi operano attraverso l’attuazione di politiche che ne favoriscano la crescita e lo sviluppo. Tra le molteplici misure previste, ricordo l’istituzione della Consulta regionale per lo sviluppo della cooperazione, organismo che propone alla giunta le attività da svolgere a favore del comparto cooperativistico e che ha tra le sue funzioni la possibilità di attivare tavoli tecnici su tematiche ad hoc. Tra le azioni messe in atto solo recentemente sottolineo l’avvio del percorso normativo per il rilancio della competitività lombarda che intende valorizzare anche il mondo delle cooperative, puntando sulla semplificazione e sulla sburocratizzazione. Siamo consapevoli, infatti, che solo alleggerendo il sistema imprenditoriale di queste zavorre si possa realizzare un concreto rilancio della nostra economia”.

ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE LOMBARDIA

Presidente Maurizio Ottolini Confcooperative
Copresidenti Luca Bernareggi Legacoop, Giuseppe Di Giugno AGCI


Alleanza Cooperative Italiane

Sede legale:
via Torino, 146 00184 Roma
Tel. 06-84439391 - Fax 06-84439370