PNRR; DL Fondo Complementare: Alleanza Cooperative di Abitanti, estendere a cooperative a proprietà indivisa proroga a tutto il 2023 benefici Superbonus 110%

ACI Abitazione

Il Fondo complementare al PNRR (Decreto-legge 6 maggio 2021, n.59) ha già riconosciuto agli ex-IACP la possibilità di usufruire dei benefici del Superbonus 110% fino al 31 dicembre 2023: nell’iter di conversione in legge del decretoquesta proroga va estesa anche alle cooperative di abitazione a proprietà indivisa.

Ad avanzare con forza questa richiesta al Governo sono Rossana Zaccaria e Antonio Lucidi, Copresidenti dell’Alleanza delle Cooperative di Abitanti.

“Le cooperative di abitazione a proprietà indivisa -sottolineano Zaccaria e Lucidi- non si limitano a soddisfare il bisogno primario della casa per le categorie economicamente più deboli e svantaggiate; attraverso interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria,mantengono in efficienza il patrimonio immobiliare e realizzano interventi di riqualificazione, anche energetica, di interi edifici spesso collocati nelle periferie di molte città, con un alto potenziale di impatto ambientale ed urbano”.

Eppure, nonostante la crescente attenzione riservata agli interventi di trasformazione e rigenerazione urbana, le cooperative di abitazione a proprietà indivisa subiscono un’oggettiva penalizzazione rispetto a soggetti, come gli ex-IACP, con i quali esiste una forte analogia, sancita anche da provvedimenti come il decreto Sblocca Italia del 2014, che riconosceva sia ad essi che alle cooperative a proprietà indivisa gli incentivi per l’efficientamento energetico degli edifici.

In questa direzione andava anche l’Ordine del Giorno sul Decreto Sostegni, approvato il 5 maggio a firma Mirabelli, Collina, Alfieri, Misiani, che impegna il Governo nel prossimo provvedimento utile ad applicare per l’utilizzo del Superbonus per le cooperative a proprietà indivisa le stesse tempistiche previste per gli ex-IACP.

“Risulta quindi incomprensibile -affermano Zaccaria e Lucidi- che nel Fondo complementare al PNRR non sia stata riconosciuta alle cooperative a proprietà indivisa, così come è invece previsto per gli ex-IACP, la proroga dei benefici del Superbonus 110% fino al 31 dicembre 2023, quando vi sia uno stato di avanzamento lavori superiore al 60% alla data del 30 giugno dello stesso anno”.

Una proroga tanto più indispensabile se si considera che la cooperazione di abitanti si muove sulla dimensione dei caseggiati e dei quartieri. Le cooperative hanno già programmato la riqualificazione di circa 3.000 alloggi abitati dai soci, con un costo stimato di 150 milioni, che richiede una progettazione attenta e un’esecuzione rispettosa con tempi più lunghi rispetto agli edifici non abitati. Tra l’altro, per accedere alla richiesta dei benefici sono previste indagini preliminari, che costituiscono un requisito di partenza sostanziale per avviare il processo: interventi così complessi richiedono quindi un tempo congruo per essere completati, sicuramente ben oltre la data del 30 giugno 2022 attualmente prevista.

La richiesta urgente è quindi quella di estendere la proroga del Superbonusfino al 31 dicembre 2023 alle cooperative a proprietà indivisa nella conversione in legge del DL Fondo Complementare.

Da considerare che la copertura di tale richiesta, come per tutte le altre categorie di beneficiari,  va evidentemente calcolata solo per la proroga e che comunque la misura implica un introito fiscale rilevante per lo Stato.


Alleanza Cooperative Italiane

Sede legale:
via Torino, 146 00184 Roma
Tel. 06-84439391 - Fax 06-84439370