Messaggio Alleanza delle Cooperative Italiane per la Giornata Internazionale delle Cooperative

ACI - ICA

“Le cooperative per il lavoro dignitoso” è il tema scelto per le celebrazioni della Giornata Internazionale delle Cooperative 2019, che si celebra il 6 luglio in tutto il mondo.

Una scelta motivata dalla volontà di sostenere l’obiettivo di sviluppo sostenibile n.8 – “Sviluppo inclusivo e lavoro dignitoso” -in un contesto generale segnato dalle crescenti disuguaglianze, dall’aumento dell’insicurezza del lavoro e dall’elevato tasso di disoccupazione, in particolare tra i giovani e le donne.

In quanto imprese centrate sulle persone e attori chiave dello sviluppo, le cooperative in tutto il mondo danno un contributo rilevante alla salvaguardia e alla creazione di buona occupazione in tutti i settori dell’economia e all’emancipazione sociale ed economica delle comunità locali.

L’occupazione cooperativa non è un fenomeno marginale. Secondo una stima recente, le cooperative di tutto il mondo impiegano o sono la principale fonte di reddito per oltre 279 milioni di persone, quasi il 10% della popolazione attiva mondiale.

Al di là di questi numeri, diversi studi hanno confermato che, rispetto all’occupazione in altri settori, i posti di lavoro cooperativi:

 tendono ad essere più sostenibili nel tempo

 mostrano un divario minore nei salari tra diverse fasce retributive

 sono distribuiti in modo più uniforme tra aree rurali e aree urbane.

Il secondo principio della cooperazione internazionale, “Controllo democratico dei soci “, consente alle comunità di possedere e governare insieme le cooperative attraverso un controllo democratico che porta a una crescita inclusiva e sostenibile, senza lasciare indietro nessuno.

Essendo le cooperative imprese basate su valori, di proprietà, controllate e gestite da e per i soci, i lavoratori delle cooperative sperimentano “il perseguimento dell’efficienza, una flessibilità condivisa, un senso di partecipazione, un ambiente familiare e un forte senso di identità”.

L’Alleanza delle cooperative Italiane esprime il proprio apprezzamento per la Dichiarazione Finale della Conferenza di Centenario dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro, che riconosce il ruolo delle cooperative e dell’economia sociale e solidale nel futuro del lavoro, per generare lavoro dignitoso, occupazione produttiva e standard di vita migliori per tutti.

La Dichiarazione riconosce che in questi tempi di “cambiamento trasformativo nel mondo del lavoro” e “disuguaglianze persistenti”, “è imperativo agire con urgenza per cogliere le opportunità e affrontare le sfide per modellare un futuro equo, inclusivo e sicuro del lavoro, senza lasciare nessuno indietro”.

Coerente con questa impostazione è l’impegno che Alleanza delle Cooperative Italiane ha assunto, attraverso il dialogo con le Organizzazioni Sindacali, per la definizione e condivisione di un protocollo contro la Violenza di genere e le discriminazioni, in conseguenza degli impegni assunti con la firma dell’Accordo sulle Linee Guida per la Riforma delle Relazioni Industriali del 12 dicembre 2018.

Per quanto riguarda il nostro paese, Alleanza delle Cooperative Italiane è facilmente rappresentabile da alcuni numeri: 39.500 imprese associate,1.150.000 persone occupate, 140 miliardi di euro di fatturato e oltre 13 milioni di soci.

Questi indicatori, che rappresentano in modo sintetico la dimensione economica di Alleanza, assumono ancor più valore se affiancati ad altri che rendono l’idea dell’impatto sociale delle cooperative nel nostro paese. Ed è quindi bene ricordare come le cooperative italiane siano realtà capaci di affrontare grandi sfide sociali quali:

inclusione di genere -il 58% delle persone occupate sono donne, con oltre 19.000 cooperative attive femminili,

inclusione sociale – il 15% delle persone occupate in cooperativa sono immigrati,mentre oltre 5.100 cooperative sono costituite da stranieri,oltre 30.000 persone svantaggiate inserite nel mondo del lavoro

generazionale con oltre 4.100 cooperative di giovani.

Welfare – erogazione di servizi socio-sanitari e di welfare ad oltre 7 milioni di persone

Va poi ricordata la forte valenza in termini di coesione territoriale: nel Mezzogiorno è presente circa il 47% del totale delle cooperative italiane. Sebbene economicamente più fragile (le cooperative che hanno sede legale nel Mezzogiorno esprimono il 17% degli addetti e l’11% del fatturato), si tratta pur sempre di un sistema imprenditoriale che resiste in territori dove le condizioni di minor sviluppo sono evidenti. Lo stesso accade nelle aree interne, in cui insistono circa un quarto delle cooperative attive italiane.

È su questi indicatori che si giocherà, anche nel nostro paese, la sfida del sistema cooperativo:essere capace di rinnovarsi e di attrezzarsi per continuare a dare risposte a bisogni differenti in una società in rapido mutamento.

 


Alleanza Cooperative Italiane

Sede legale:
via Torino, 146 00184 Roma
Tel. 06-84439391 - Fax 06-84439370