Marche


 Alleanza Cooperative Marche: Gianfranco Alleruzzo nuovo presidente

Il presidente di Legacoop Marche, Gianfranco Alleruzzo, è il nuovo presidente dell’Alleanza delle Cooperative Italiane Marche. E’ stato eletto dall’assemblea che si è svolta il 15 settembre 2017 nel Castello di Frontone (Pu), dedicata a “Il progetto cooperativo per una regione plurale”. Nell’incontro è stato sostenuto un impegno comune per sostenere progetti di investimenti e di sviluppo delle imprese cooperative anche attraverso un piano organico di misure ad hoc dei bandi che utilizzano il Fondo sociale europeo e quello di sviluppo regionale.

L’Alleanza delle Cooperative Italiane Marche e la Regione Marche stanno lavorando ad un protocollo d’azione che sarà adottato dalla Giunta regionale. Dei contenuti di questo accordo si è discusso nell’assemblea di Aci Marche, 900 cooperative, 350 mila soci, 24 mila persone occupate, con un fatturato complessivo di 3 miliardi di euro.

“Il modello cooperativo è l’unico in grado di poter affrontare le conseguenze della crisi economica – ha detto Alleruzzo -, che è stata ancora più forte in una regione come la nostra, a vocazione produttiva e artigiana, che ha subito il terremoto, con gravi danni anche al turismo, e la crisi del sistema bancario. Di fronte ad uno scenario in cui chi ha poco rischia di avere sempre meno, abbiamo il dovere di far funzionare l’Alleanza e di mettere insieme coloro che hanno la stessa immagine del mondo”. Burattini ha affermato che “il cammino dell’Alleanza nelle Marche deve proseguire. Dobbiamo sperimentare azioni per creare una nuova visione di sviluppo economica e sociale cogliendo le opportunità e le facilitazioni nazionali ed europee per rispondere alle esigenze dei cittadini e della comunità”.

Il presidente di Confcooperative Marche, Massimo Stronati, ha sottolineato come “sia necessario, anche da parte nostra, realizzare una strategia per proporci come imprese cooperative, piccole e grandi, in tutti i settori seguendo il buon modello già portato avanti dall’agricoltura”. Stronati ha proposto “un percorso di integrazione fra cooperative soprattutto nei servizi e nel welfare per far fronte alle esigenze del mercato territoriale in cui è necessario l’affiancamento della Regione con bandi mirati”.

Fra le proposte delle cooperative da condividere con la Regione Marche, c’è la necessità di una modalità di lavoro integrata fra gli assessorati, il ripristino della posizione di funzione della cooperazione e la valorizzazione delle realtà presento nel territorio nell’avvio della Stazione unica appaltante. All’incontro hanno partecipato il presidente nazionale Aci, Maurizio Gardini, i consiglieri regionali Gino Traversini ed Enzo Giancarli, e il sindaco di Frontone, Francesco Passetti.

 

 Alleanza Cooperative Marche: Stefano Burattini (Agci) assume la presidenza

Giugno 2016 – Stefano Burattini, presidente di Agci Marche, assume la presidenza dell’Alleanza delle Cooperative Italiane delle Marche, il coordinamento composto dalle Centrali cooperative Agci Marche, Confcooperative Marche e Legacoop Marche, costituito per valorizzare e potenziare il protagonismo economico e sociale delle cooperative marchigiane. Un sistema regionale composto da 900 cooperative, con 350 mila soci e 24 mila persone occupate, con un fatturato complessivo di 3 miliardi di euro. Burattini subentra a Massimo Stronati, presidente di Confcooperative Marche. La nomina di Burattini, da parte dell’Alleanza marchigiana, è stata l’occasione per definire il programma di lavoro dei prossimi mesi e, soprattutto, per confrontarsi sul grave problema legato all’azzeramento dei fondi destinati alla cooperazione nel bilancio 2016 della Regione Marche. “Per la prima volta dal 1999, dopo 17 anni – affermano i tre presidenti -, questa Giunta regionale riesce ad azzerare i fondi stabiliti dalla legge 5, provvedimento specifico per lo sviluppo della cooperazione e che, invece, così appare come una scatola vuota, che perde il suo valore di promozione imprenditoriale e il suo ruolo sociale per la crescita dell’occupazione”. Questa decisione, sottolineano i presidenti, “causerà meno investimenti, meno patrimonializzazione da parte delle imprese, nessuna possibilità di rilevare in forma cooperativa aziende in crisi, difficoltà nei percorsi di aggregazione”. L’Alleanza delle Cooperative delle Marche giudica, perciò, “gravissima la scelta della Regione Marche che penalizza così l’unico settore che, in questo periodo di crisi, ha aumentato attività e occupazione specie per giovani e donne, con una crescita, tra il 2008 e il 2013, secondo i dati Inps, del 6,8% a livello nazionale”.

 

   Alleanza Cooperative Italiane: costituito il coordinamento delle Marche

Nasce, l’Alleanza delle Cooperative Italiane delle Marche, il coordinamento composto dalle Centrali cooperative Agci Marche, Confcooperative Marche e Legacoop Marche che viene costituito per valorizzare e potenziare il protagonismo economico e sociale delle cooperative marchigiane. Un sistema costruito da 900 cooperative, con 350 mila soci e 24 mila persone occupate, con un fatturato complessivo di 3 miliardi di euro. I presidenti delle tre Centrali cooperative, Stefano Burattini, Agci Marche, Massimo Stronati, Confcooperative Marche, Gianfranco Alleruzzo, Legacoop Marche, hanno sottoscritto il 15 dicembre il protocollo per la costituzione dell’Alleanza delle Cooperative Italiane delle Marche. E’ stato poi eletto il Comitato esecutivo e il presidente dell’Alleanza delle Cooperative delle Marche, Massimo Stronati, presidente di Confcooperative Marche.

La nascita dell’Alleanza delle Cooperative delle Marche rafforza il grande albero della cooperazione, hanno spiegato i tre presidenti in una conferenza, per coordinare l’azione di rappresentanza nei confronti delle istituzioni regionali e territoriali e di partenariato verso gli altri soggetti economici e sociali. L’obiettivo è quello di dar vita ad una rappresentanza unitaria della cooperazione marchigiana con cui poter meglio contribuire a dare impulso alla creazione di nuova imprenditorialità e di nuova occupazione nelle Marche. “Quella di oggi è una firma che traccerà un modo diverso di fare rappresentanza unitaria – ha detto il neo presidente dell’Alleanza Stronati -, che dovrà porre al centro del proprio lavoro le cooperative associate per le quali dobbiamo agire tutti insieme con coraggio, lealtà e dinamismo per favorire il loro sviluppo e trovare le giuste opportunità di crescita anche con l’internazionalizzazione e con l’utilizzo dei fondi europei”. Quella che parte oggi, ha sottolineato Franco Alleruzzo, presidente di Legacoop Marche, “è una sfida ambiziosa per dare una casa comune alla cooperazione delle Marche. Una sfida di cui essere protagonisti nell’interlocuzione con le istituzioni e con gli altri soggetti di rappresentanza non solo nel chiedere ma anche nel proporre e nell’offrire il nostro contributo per crescere insieme”. Per Stefano Burattini, presidente di Agci Marche, “l’Alleanza non è la somma di tre organizzazioni ma è l’opportunità di creare un modello innovativo trasversale di dialogo”.

I primi complimenti per il traguardo raggiunto anche nelle Marche, con la creazione dell’Alleanza delle Cooperative, sono stati quelli di Manuela Bora, assessore regionale alla Cooperazione. “Oggi tre organizzazioni decidono di conferire la rappresentanza ad un soggetto unico di un mondo che, per lungo tempo, è stato frammentato – ha detto la Bora -, sono fortemente convinta che, con questa unitarietà, si possa raggiungere una maggiore sintesi, anche verso le istituzioni, con una centralità strategica del proprio ruolo nel mondo imprenditoriale e sociale. Sono molto contenta che questo segnale di unitarietà parta anche dalle Marche”. Il coordinamento nazionale dell’Alleanza delle Cooperative Italiane associa 43 mila imprese e rappresenta oltre il 90% del mondo cooperativo italiano per persone occupate, 1,2 milioni, per fatturato realizzato, 140 miliardi di euro, e per soci, oltre 12 milioni. Numeri che portano la cooperazione, sia quella marchigiana sia quella nazionale, a incidere sul Prodotto interno lordo per circa l’8%. Un sistema che, durante il quinquennio della crisi economica, ha accresciuto l’occupazione dell’8% malgrado le difficoltà che le cooperative, come tutto il sistema imprenditoriale, hanno dovuto affrontare. “Dobbiamo costruire un’associazione che salvaguardi i nostri valori ma che sia adeguata ai tempi – ha detto il presidente nazionale dell’Alleanza, Rosario Altieri -, non per le generazioni di cooperatori di oggi ma per quelli di domani. E’ con questo spirito che dobbiamo lavorare, per avere, insieme, una voce più forte per le nostre cooperative, sia a livello nazionale sia territoriale”.


Alleanza Cooperative Italiane

Sede legale:
via Torino, 146 00184 Roma
Tel. 06-84439391 - Fax 06-84439370

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com