IVA e welfare: un aumento dagli effetti devastanti. A rischio i servizi per 500mila persone e il lavoro per 43.000 occupati

Web

WebGiovedì, 19 settembre, ore 10.30 Aula del Palazzo dei Gruppi Parlamentari, Via di Campo Marzio, 78 – Roma

Per motivi organizzativi è necessario accreditarsi entro

il 18 settembre

Fermare l’aumento Iva sulle prestazioni sociosanitarie ed educative erogate da cooperative sociali per conto di Asl e Comuni. Questo l’obiettivo dei lavori che saranno aperti giovedì, 19 settembre da Giuseppe Guerini, portavoce Alleanza Cooperative Italiane Sociali.

Un aumento del 150% (dal 4% al 10%) che se non sventato avrà dei pesanti contraccolpi sul welfare del paese con 500.000 persone (minori, disabili e anziani non autosufficienti) senza servizi. Colpo di mannaia anche per l’occupazione: 43.000 persone che perderanno il lavoro.

Dopo l’introduzione di Giuseppe Guerini, portavoce dell’Alleanza Cooperative Sociali sono attesi gli interventi di: prof. Enrico Giovannini Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali; avv. Enzo Moavero Milanesi, Ministro per gli Affari Europei; on. Maurizio Lupi, ministro Infrastrutture e Trasporti; on. Stefano Fassina, viceministro dell’Economia e delle Finanze; sen. Maurizio Sacconi, presidente Commissione Lavoro Senato; sen. Mauro Marino, presidente Commissione Finanze e Tesoro Senato; Piero Fassino, presidente Associazione Nazionale dei Comuni Italiani; Lorena Rambaudi, Coordinatrice Politiche Sociali – Conferenza delle Regioni; on. Dario Franceschini, ministro Rapporti con il Parlamento e coordinamento attività di Governo; Giuliano Poletti, presidente Alleanza Cooperative Italiane.

Sono attesi, inoltre, interventi di parlamentari e rappresentanti delle parti sociali sensibili ai temi sollevati dalla cooperazione.


Alleanza Cooperative Italiane

Sede legale:
via Torino, 146 00184 Roma
Tel. 06-84439391 - Fax 06-84439370